Esposizione e relazione: la chiave di successo del metodo Hocus&Lotus

Uno dei punti cardine del nostro metodo è la relazione di affetto che si instaura tra il bambino e l’adulto che lo guida nell’apprendimento linguistico.

Noi Magic Teacher lo sappiamo ma quanto realmente considerate importante questo aspetto come fruitori finali del metodo?

Oggi voglio parlarvi della mia esperienza all’asilo nido Meralò di Rastignano (BO) perchè trovo che sia sufficientemente esplicativa di quanto il coinvolgimento attivo dell’adulto stimoli e aiuti l’apprendimento nel bambino.

In questa struttura, 14 bambini hanno iniziato il percorso di Hocus&Lotus con me a dicembre 2016, con una lezione al mattino inserita nella loro routine giornaliera in asilo, una volta a settimana.

Il gruppo di bimbi è eterogeneo, essendo un contesto di nido abbiamo coinvolto i bimbi da 1 a 3 anni. Nessun bambino è bilingue o ha avuto più di qualche contatto sporadico con la lingua inglese.

L’approccio è stato fin da subito positivo: l’incontro con le famiglie è stato produttivo, tante domande e tanta voglia di mettersi in gioco, ma quello che più mi ha colpito è stato l’approccio delle educatrici della struttura.

Da subito si sono dimostrate convinte del mio agire e mi hanno seguita in tutto e per tutto:

hanno offerto sostegno durante le lezione indossando la maglietta magica e lavorando al mio fianco,

hanno collaborato per instaurare un contesto favorevole, tranquillo e sereno, mostrando entusiasmo e partecipazione diretta ad ogni nuova avventura con me, come se la lingua inglese fosse uno strumento naturale di comunicazione e non un’imposizione didattica,

hanno mantenuto vivo l’interesse dei bambini verso la lingua, inventando mille occasione di decontestualizzazione a favore dei piccoli che hanno risposto in maniera eccezionale,

hanno riproposto le canzoni di Hocus&Lotus nei momenti di svago e gioco libero dei bambini, offrendo di fatto un contatto giornaliero con la nuova lingua.

Nulla che con un po’ di sforzo e costanza non si possa riprodurre anche a casa, in famiglia, anche da voi genitori.

E il risultato?

Bambini competenti, attenti, vivaci e ricettivi rispetto a tutte le attività proposte!

Un apprendimento veloce che porta questi bimbi ad essere già padroni di tantissime espressioni e che, giocando, parlano inglese anche tra di loro!

“Catch me, catch me! Noooo, wait, stop!”

“Ball…one, two, whoopee-doo”

“It’s mine!”

Queste sono solo alcune delle espressioni che comunemente usano i piccoli DinoAlunni durante i giochi tra di loro e che le educatrici mi riferiscono.

Questa esperienza non ha fatto altro che confermarmi quanto già sapevo: la relazione di affetto che si instaura tra la Magic Teacher, i bambini < e in questo caso coinvolgendo direttamente anche le educatrici Melissa e Raffaella ma ringraziamo anche tutte le educatrici che ci sostengono nel nostro lavoro> è imprescindibile per il successo dell’apprendimento. Se poi questo rapporto emotivo e condiviso viene supportato da un una ripetuta e costante routine di esposizione all’inglese, otteniamo davvero il mix vincente per rendere la nuova lingua un’alleata per aprirsi al mondo e ad infinite nuove possibilità.

Non c’è apprendimento senza divertimento ed emozione e noi in questo percorso ne abbiamo davvero sperimentato tanto!

Iniziare un percorso con Hocus&Lotus è davvero qualcosa che deve coinvolgere tutta la famiglia perchè abbia il risultato sperato e l’entusiasmo di una mamma e papà è estremamente significativo e forte per un figlio!

Non lasciamoli soli in questa avventura 😉

 

MT Samantha

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *